Cosa sta succedendo ad Ai.marketing? | News

Ai.marketing è un programma che consente di guadagnare online attraverso l’affiliate marketing. La piattaforma raccoglie fondi e investimenti dagli utenti che, successivamente, verranno indirizzati su campagne di marketing volte a sponsorizzare programmi partner. Il compenso delle vendite generate, viene diviso tra piattaforma e prestatore di denaro, che riceve così un compenso chiamato cashback, per aver permesso all’azienda di finanziare queste campagne pubblicatarie. Ai.marketing per la sua semplicità di utilizzo ha acquisito molta popolarità nell’ultimo anno e per molti è diventato una specie di terra promessa. L’azienda, tuttavia, ha sempre mantenuto il suo aspetto anonimo e questo ovviamente gli ha fatto guadagnare anche una cattiva reputazione. Qui puoi leggere la nostra recensione, con pro/contro e un’analisi critica. Data la natura anonima del business, come tutti i business online invitiamo sempre alla prudenza e vivere, se si ha voglia, queste avventure come semplici scommesse, non come lavori o investimenti dal ritorno assicurato. 

Ai.marketing fin’ora non ha mai scontentato i suoi utenti. Tutti i pagamenti sono sempre arrivati entro 24 ore. Nonostante questo, molti utenti sono sempre stati estremamente cauti e dubbiosi, anche nei momenti migliori. Tuttavia la fiducia è sempre rimasta alta. Il mese di luglio però questa fiducia ha avuto una notevole flessione a causa di un problema incorso alla piattaforma, che ha fatto gridare a molti “si salvi chi può!”. Ma cosa succede? Ai.marketing è una truffa? Ai.marketing è morto? Vista l’enorme confusione che si è creata, proviamo a fare un po’ di chiarezza. 

 

 

COSA E’ SUCCESSO?

Il 12 luglio 2021 il sito ha subito un blocco in tutta la federazione russa. Il blocco è stato causato dall’inserimento di Ai.marketing nella blacklist del Roskomnadzor, il servizio federale sulla supervisione nella sfera della connessione e della comunicazione di massa, probabilmente in seguito ad una segnalazione, presumibilmente per il punto 15.3, che recita “diffusione di informazioni contenenti appelli per rivolte di massa, attuazione di attività estremiste”. Questo è quanto apprendiamo dal canale telegram ufficiale. 

Questo incidente non solo ha provocato l’impossibilità di accesso di tutti gli utenti russi, ma essendo il web interconnesso, una reazione a catena che ha coinvolto il blocco di conti bancari, di aggregatori di cashback e degli account Google. Molti aggregatori, avendo appreso della segnalazione, hanno interrotto immediatamente il flusso di denaro verso i conti legati alla società che gestisce Ai.marketing. 

 

COME HA REAGITO AI.MARKETING?

La nota positiva è che Ai.marketing ha prontamente comunicato le misure che avrebbe adottato a breve: blocco temporaneo dei cashback, delle campagne pubblicitarie, dei depositi e degli incassi. La cosa negativa è che c’è stata molto confusione intorno ai fatti delle ultime due settimane. Ai.marketing ha un canale telegram per le comunicazioni che purtroppo non tutti conoscono e questo ha fatto sì che si diffondessero diverse notizie, anche molto diverse da quelle comunicate dal canale telegram dell’azienda. Da questo punto di vista la situazione non è stata gestita in modo ottimale e le comunicazioni, seppur precise, non sono state costanti e questo ha lasciato libero spazio alla circolazione di notizie contrastanti. Per gli aggiornamenti della situazione ti raccomandiamo di far fede solo e soltanto a questo canale: Ai Marketing News, accessibile dal sito attraverso il chat bot. 

COME STA EVOLVENDO LA SITUAZIONE?

Il 26 luglio è stata organizzata una riunione aziendale tra i vertici aziendali e i team leader.  L’azienda ha comunicato che dalla riunione svolta danno un tempo di almeno 10 giorni per aggiornare tutti gli account e i saldi degli utenti, fermi dalla data del 15 luglio. Quasi subito sono stati accreditati gli arretrati su INB e questo è sicuramente un segnale positivo. 

Ora sembra che l’azienda stia stipulando nuove partnership con provider di pagamenti, nonché provvedendo a riaprire nuovi account per poter rilanciare le campagne pubblicitarie. Fino a che non giunge una comunicazione aziendale ufficiale, si raccomanda di non compiere alcuna azione per non rischiare una perdita di dati e informazioni. Inoltre è stato presentato un ricorso al Roskomnadzor, che ha facoltà di rispondere entro 30 giorni dalla presentazione del reclamo. Ancora nessuna comunicazione è giunta per l’esito del reclamo. 

 

AI.MARKETING E’ MORTO?

Questa è una domanda a cui non sappiamo rispondere. Come abbiamo già dettagliatamente detto nella recensione, questo business presenta diversi punti critici e pertanto deve essere visto non come il luogo più sicuro dove depositare il denaro, ma eventualmente come una scommessa da vivere con lo stesso spirito con cui si gioca alla lotteria. 

Da quello che abbiamo visto e analizzato, c’è una gestione della crisi, c’è una volontà di risolvere un problema e c’è stato effettivamente un problema con la federazione russa (lo stesso Roskomnadzor nel 2015 mise nella blacklist il Wikipedia Russo, blocco poi rimosso). Il sito di Ai era effettivamente in blacklist ed è sicuramente positivo che non fosse la solita scusa inventata per preparare l’exit strategy. 

Molto spesso i programmi online smettono di pagare improvvisamente e solitamente non c’è preavviso, oltre a non esserci alcuna comunicazione dopo l’interruzione del servizio. La cosa positiva è che comunque Ai.marketing è vivo a livello comunicativo, segno che c’è una volontà di affrontare il problema. Ricordiamo che non è possibile depositare al momento, dunque il temporeggiamento sicuramente non è dovuto alla volontà di continuare ad incassare. 

La società ha comunicato che riprenderà presto le sue attività e dunque per chi è dentro l’unica strada è l’attesa, senza porsi troppe domande. Nel caso in cui Ai.marketing effettivamente riprenda l’attività, sicuramente è meglio essere prudenti e soprattutto non fare la corsa ai prelievi, per non creare shock finanziari e ritardi. Preleva eventualmente quello che avevi già programmato di prelevare e continua senza angosce. Ricorda che investire su questo tipo di programmi comporta sempre dei rischi, dunque rischia sempre ciò che sei disposto a perdere e fallo con lo stesso spirito con cui faresti una scommessa sportiva. 

Qui puoi leggere un aggiornamento condiviso sul gruppo telegram in seguito alla riunione aziendale: https://telegra.ph/Dear-Clients-07-22

 

AGGIORNAMENTO 20 AGOSTO

Ai.marketing è tornato operativo. Il team ha creato un clone di AI, ma questo secondo sito serve soltanto agli amministratori per creare le campagne pubblicitarie usando un altro dominio (essendo il precedente in blacklist in Russia). Gli importi precedenti la crisi di luglio sono stati spostati sotto la card e sono visibili sotto la voce PREVIOUS CAMPAIGNS. 

 

 

Questi importi non verranno persi. Le cifre non spese verranno prelevate in modo casuale per avviare nuove campagne pubblicitarie e il ricavato delle vendite finirà nel nuovo Cashback. Per quanto riguarda il vecchio cashback e i vecchi importi in pending verranno pagati gradualmente col fondo protect ottenuto dalle nuovo campagne. Per chi invece è nuovo il sito funziona in modo tradizione. Per leggere la recensione completa clicca qui

 

 

 

Ricevi aggiornamenti via email
Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato su articoli e novità!
I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Please reload

Attendere...